Foto meravigliose della vita quotidiana a Leningrado del dopoguerra, la città che si rifiutò di morire di fame nella seconda guerra mondiale

Foto meravigliose della vita quotidiana a Leningrado del dopoguerra, la città che si rifiutò di morire di fame nella seconda guerra mondiale

Fu Leningrado, non Stalingrado, il vero disastro umanitario del fronte orientale della seconda guerra mondiale. La Germania nazista mandò a morte centinaia di migliaia di civili per fame e ipotermia.



All'inizio, i cani e i gatti sono scomparsi. Allora non c'erano più uccelli. Sono stati mangiati. È stato fatto per pura disperazione, per sopravvivere e non impazzire. Il menu a Leningrado durante questo periodo della guerra comprendeva carta da parati, stucco per finestre e zuppa di cuoio bollito.



Queste fotografie di Leningrado, o l'attuale San Pietroburgo, raffigurano la vita dei cittadini sovietici di tutti i giorni nel 1946-1948: dai costruttori che lavoravano nella cattedrale di Sant'Isacco a una donna che pulisce un pezzo da esposizione nel museo dell'Ermitage e un marinaio che tiene per mano il suo Amati.

Guardando queste foto, prese dall'archivio dell'Università di Harvard, difficilmente si potrebbe immaginare che l'Assedio di Leningrado fosse terminato solo due anni prima.



Durato 871 giorni (8 settembre 1941-27 gennaio 1944), l'assedio uccise almeno 630.000 persone e lasciò la città in rovina dopo gli implacabili bombardamenti delle forze naziste.

Ecco uno sguardo alla rinascita di Leningrado dopo due anni di indicibili difficoltà.

h / t: themoscowtimes



cuántos hijos tiene chad johnson

Molti edifici della città furono distrutti durante l'assedio. Dopo la fine dell'assedio, è stato avviato uno sforzo di restauro su larga scala.
Foto meravigliose della vita quotidiana a Leningrado del dopoguerra, la città che si rifiutò di morire di fame nella seconda guerra mondiale

Enormi danni sono stati fatti a preziosi monumenti storici e culturali come l'Hermitage e il Museo Russo.
Foto meravigliose della vita quotidiana a Leningrado del dopoguerra, la città che si rifiutò di morire di fame nella seconda guerra mondiale

Gite in barca sullo stagno del Parco Kirov.
Foto meravigliose della vita quotidiana a Leningrado del dopoguerra, la città che si rifiutò di morire di fame nella seconda guerra mondiale

Gli equipaggi della scuola di addestramento navale di Leningrado organizzano una gara di scialuppe di salvataggio sul fiume Neva.
Foto meravigliose della vita quotidiana a Leningrado del dopoguerra, la città che si rifiutò di morire di fame nella seconda guerra mondiale

Restaurati dopo il blocco, i monumenti architettonici della capitale settentrionale della Russia sono riapparsi in tutta la loro bellezza.
Foto meravigliose della vita quotidiana a Leningrado del dopoguerra, la città che si rifiutò di morire di fame nella seconda guerra mondiale

Matricole presso l'Istituto dei trasporti di Leningrado recentemente riaperto.
Foto meravigliose della vita quotidiana a Leningrado del dopoguerra, la città che si rifiutò di morire di fame nella seconda guerra mondiale

Una lezione al Conservatorio di Leningrado.
Foto meravigliose della vita quotidiana a Leningrado del dopoguerra, la città che si rifiutò di morire di fame nella seconda guerra mondiale

cuántos hijos tiene floyd mayweather

Anche l'Arco di Trionfo di Narva non era protetto dai bombardamenti di artiglieria. Alla fine fu restaurata nel 1951.
Foto meravigliose della vita quotidiana a Leningrado del dopoguerra, la città che si rifiutò di morire di fame nella seconda guerra mondiale

(Visitato 1 volte, 1 Visite oggi)
Categoria
Raccomandato
Messaggi Popolari