La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman

La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman

Un lavoro fatto a mano dall'artista e professore di Salt Lake City, Edward Bateman, questa collezione fa seguito alla sua precedente collezione di carte de visite 'Mechanical Brides of the Uncanny' e mostra il suo uso in evoluzione di immagini costruite e spesso anacronistiche per creare presunti manufatti storici che creano metafore per la macchina fotografica ed esaminano la nostra fede nella fotografia come testimone imparziale.

Di Più: Edward Bateman , Nazraeli Press , Ken Sanders Rare Books

La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman

Quasi nello stesso periodo in cui fu inventata la fotografia, lo Spiritualismo stava nascendo nel 'distretto bruciato' di New York. Al centro della credenza era la pratica della comunicazione con gli spiriti umani disincarnati. Questi due sviluppi si sarebbero intrecciati nel 1861 quando William Howard Mumler produsse la prima fotografia dello spirito.

La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman

La fotografia è sempre stata usata come una forma di verità oggettiva. Dopo la carneficina della guerra civile americana, le persone guardavano alle fotografie di spiriti come prova della continua esistenza dei loro cari. Questa pratica coinvolgeva un 'mezzo' umano che avrebbe preso contatto con i morti, che poteva poi essere registrato su una lastra fotografica.

La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman

Il processo si è diffuso rapidamente negli Stati Uniti e nel Regno Unito, ma era inaffidabile e soggetto a frodi. Si sono svolti processi per protestare contro le attività di questi fotografi di spiriti con molti testimoni rispettati che sostenevano affermazioni su entrambi i lati della questione. Lo stesso Mumler, che ha fotografato Mary Todd Lincoln con il fantasma del presidente ucciso, è stato processato con nientemeno che P.T. Barnum testimonia contro di lui. Fu assolto, ma cessò di praticare e morì in povertà.

La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman

Allo stesso tempo, altri cercavano nuove tecnologie che, come la fotocamera, potessero estendere i sensi umani e senza l'intervento umano rivelare in modo definitivo l'esistenza della vita oltre la tomba. Le immagini di questa raccolta mostrano l'uso del magnetismo, dell'elettricità, della fotografia, delle sostanze chimiche e del vapore.

La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman

I documenti risalenti a questo periodo descrivono materiali esotici (e forse immaginari) come il mercurio magnetico, i vapori eterici e le resine e i terreni ectoplasmatici. L'annientamento dello spazio e del tempo era stato apparentemente raggiunto dalla scienza e non c'è da meravigliarsi se il suo sguardo sarebbe rivolto ai più grandi misteri della vita.

La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman

Le immagini qui presentate documentano alcuni di questi inventori e le loro creazioni usate per manifestare spiriti disincarnati. Potremmo dubitare della veridicità delle loro affermazioni, ma una cosa è certa: la telecamera ci fa davvero vedere di nuovo i morti, non come manifestazioni spettrali, ma come documenti significativi e preziosi di quelli vissuti una volta.

La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman

Dall'artista dichiarazione : “Ogni oggetto esiste in due mondi. Uno è il tangibile che conosciamo attraverso i nostri sensi e un altro che esiste solo nella nostra mente. È in questo regno mentale che gli oggetti assumono le proprietà di metafora e significato. Questi sono raramente fissi, ma esistono in una danza fluida in cui le associazioni vengono cambiate facilmente come le maschere a un ballo in costume. Nel mio lavoro, gioco con queste associazioni complesse per creare ricche strutture metaforiche. Come i frontespizi di vecchi libri, cerco di esprimere i volumi attraverso un'unica immagine '.

La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman

'Sebbene alcuni elementi del mio lavoro raffigurino cose' reali ', molti oggetti non hanno mai avuto un'esistenza fisica tangibile. Questi elementi sono modellati completamente all'interno del mondo di un computer. Sono fantasmi fatti di niente di più sostanziale dei numeri; eppure apparentemente condividono lo spazio con oggetti che hanno sia fisicità che storia. Il mio metodo di lavoro imita la luce stessa, un raggio alla volta, in un processo che può richiedere da ore a giorni per essere completato e coinvolge letteralmente trilioni di calcoli '.

La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman

“Lenti e specchi sono comuni nel mio lavoro. Ho rimosso l'obiettivo dal processo di creazione dell'immagine e l'ho posizionato all'interno dell'immagine stessa. Come ogni rappresentazione, le lenti rappresentano un punto di vista e una messa a fuoco ristretta. Ciò che rivelano spesso prevale su ciò che è escluso dal loro sguardo. Gli specchi sono una metafora dell'arte stessa e del processo di conoscenza di sé e scoperta. Fanno anche parte dei trucchi della mente e degli occhi: fumo e specchi. La macchina fotografica è stata la prima macchina di rappresentazione e per un po 'abbiamo creduto che dicesse solo la verità. Alla fine, forse tutte le immagini che creiamo condividono una strana miscela di magia, verità e illusione. E in questo terreno germoglia la metafora, che è la fonte del significato '.

estilo arquitectónico del edificio empire state

La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman
La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman
La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman
La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman
La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman

In 'Mechanical Brides of the Uncanny', l'artista Edward Bateman crea immagini che esplorano il ruolo della fotografia come prova storica. Presentato come una raccolta di carte de visites scoperte, questo libro documenta un'epoca dimenticata di meraviglie meccaniche.

La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman

Le carte de visites erano una forma di fotografia estremamente popolare nell'ultima metà del diciannovesimo secolo. Sono stati ampiamente scambiati e raccolti, con soggetti che vanno dai ritratti di persone comuni a quelli di luminari. Bateman usa questa storia per mettere in dubbio l'idea che tutte le fotografie siano legate a un particolare momento nel tempo.

La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman

Combinando immagini del XIX secolo con automi fabbricati, crea immagini del passato con un'iconografia che viene solitamente utilizzata per rappresentare il futuro. Invitano a un confronto tra automi e macchine fotografiche; per la prima volta nella storia umana, gli oggetti della nostra creazione ci guardavano indietro. Immagina un'epoca in cui la memoria e il cambiamento hanno marciato mano nella mano, creando il mondo in cui viviamo oggi e lasciandosi dietro mondi che esistono solo nelle immagini.

La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman
La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman
La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman
La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman
La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman
La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman
La scienza fa il velo: la misteriosa raccolta di foto di Edward Bateman

(Visitato 1 volte, 3 Visite oggi)
Categoria
Raccomandato
Messaggi Popolari